Recensione: The kissing booth di Beth Reekles

Titolo: The kissing booth 
Autore: Beth Reekles 
Genere: Young Adult 
Editore: DeAgostini 
Link d'acquisto: Amazon 


TRAMA

Rochelle ha diciassette anni, è bella, popolare, brillante. È circondata di amici, ma non è mai stata baciata. Non ha mai avuto un fidanzato, solo cotte per tipi sbagliati, bad boy di cui le era impossibile innamorarsi davvero. E Noah non fa eccezione. Anche lui è inaffidabile, tenebroso, irritante. E con le ragazze vuole solo divertirsi. Rochelle non ha alcuna intenzione di cedere al suo irresistibile fascino. Perché di una cosa è certa, Noah non è quello giusto. Glielo ripete di continuo anche Lee, il suo migliore amico, l’unica persona a cui Rochelle non potrebbe mai rinunciare. Ma il fatto che Lee sia il fratello di Noah complica ogni cosa. Soprattutto quando Lee scopre un segreto, un segreto inconfessabile che non può, o forse non vuole, condividere con Rochelle. Dalla penna di un’autrice giovanissima, il nuovo fenomeno letterario nato da Wattpad, vincitore del premio Watty. Un esordio sorprendente, una storia d’amore che si divora compulsivamente, come un film.

RECENSIONE

Avete presente quella sensazione di spensieratezza che vi portate addosso dopo aver passato delle ore in piacevole compagnia, di un buon film, o semplicemente ascoltando la musica? Ebbene ci sono modi e modi per stare in armonia, ognuno di noi lo fa in maniera differente, eppure la sensazione di benessere è la medesima. 
E allora, se cercate qualcosa che vi aiuti a scacciare via la noia e vi faccia sorridere in continuazione The kissing booth è il libro che fa per voi. 

Tenete conto che è uno Young Adult ed in quanto tale è una lettura molto leggera, ma non per questo meno bella, anzi... in queste giornate afose, a parere mio, se andate al mare portatevi "The kissing booth" con voi e leggetelo sotto l’ombrellone, magari accompagnato da una bella granita fresca, e iniziate a scoprire che Rochelle è una bellissima ragazza di diciassette anni, una grande sognatrice e pensa che da qualche parte ci sia il principe azzurro con il suo mantello pronto ad accoglierla. Non è mai stata baciata, e da sempre è innamorata di Noah, il fratello maggiore del suo migliore amico. 
Lee, il suo migliore amico appunto, è la sua metà in tutto e per tutto: sono nati lo stesso giorno, hanno la stessa età e sono l’uno la parte completa dell’altro. Tra di loro non c'è nessun segreto, e fin da piccoli sono sempre stati legatissimi; le loro madri erano a loro volta amiche inseparabili, ma purtroppo la madre di Rochelle è venuta a mancare causa di una brutta malattia. Ciò nonostante, Rochelle è comunque circondata da tantissimi amici e da una famiglia - padre e fratello minore - che la ama più della propria vita. 

Sapete no cosa significa sentire le farfalle nello stomaco una volta che ci si innamora? 
Tutte noi lo abbiamo sperimentato almeno una volta nella vita! Ecco questa è dunque la sensazione che Rochelle prova ogni volta che si trova in presenza di Noah. Peccato però che per Noah non sia lo stesso, lui la vede solamente come una sorta di sorella minore da proteggere. 
Classico cliché direte voi! Beh gli elementi del cliché letterario ci sono ma l’autrice è riuscita ad andare oltre, intrecciando una storia che tiene il lettore ancorato dalla prima all'ultima pagina

Intorno ai dodici anni avevo una cotta per lui. Ma mi era passata abbastanza in fretta, quando mi ero resa conto che era fuori dalla mia portata e che le cose non sarebbero cambiate. E, anche se era incredibilmente sexy, con lui mi comportavo nel modo più normale possibile, perché sapevo mi avrebbe sempre vista come la migliore amica del fratello minore.

Noah ama la bella vita, ama divertirsi, fare feste e ama le ragazze, sotto ogni punto di vista, non ha intezione di avere nessuna storia seria, o forse no? Forse la bellissima Rochelle non è davvero per lui ciò che vuole far credere, forse la sua è solo una corazza per nascondere i suoi veri sentimenti, forse il suo allontanare ogni ragazzo che le si avvicina non è solo per “proteggerla”. 
Lee e Rochelle stanno progettando qualcosa che li possa aiutare a vincere e tirare su più soldi possibili come progetto scolastico, ed è così che ad entrambi viene l’idea di allestire una “Kissing booth” e dopo aver ricevuto l’approvazione i due entusiasti inizieranno a lavorarci. 
Ed è proprio a questa stessa Kissing booth - stand dei baci - che finalmente Rochelle riceverà il suo primo vero bacio. Noah e Shelley (così come la chiama lui) inizialmente terranno la loro relazione nascosta ma nessuno dei due immagina che la segretezza potrebbe complicare ogni cosa… 

Ma il fatto che tu non ricambi i miei sentimenti mi sta facendo impazzire. Sei l’unica che non cade ai miei piedi ed è assurdo. Non guardo nemmeno le altre perché ci sei tu. Perché sei la sola a cui riesca a pensare.” 


Per me questo romanzo ha rappresentato una ventata d'aria fresca in un giorno afoso. L'ho letteralmente divorato in breve tempo perché sentivo il bisogno di una storia leggera ma che allo stesso tempo mi facesse emozionare. E poi mi immedesimata in Shelley, nelle sue insicurezze, nelle sue fragilità, ma soprattutto mi sono rivista nel suo essere “sognatrice”. 
Oltre alla storia amorosa, del libro ho apprezzato molto il rapporto di amicizia tra Lee e Rochelle, un rapporto di quelli con la A maiuscola, di fratellanza più che di amicizia, un rapporto che è il fil rouge di tutto il romanzo. The kissing booth non esisterebbe altrimenti. 
Ma lasciatemelo dire ciò che mi ha stupita è la bravura di questa giovane autrice, Beth Reekles di come, nonostante abbia poco più di ven'anni, sia riuscita  a soli 15 anni a scrivere questo romanzo dando importanza anche ai personaggi secondari senza mai sminuire il loro ruolo;  non si è limitata solo alla classica storia d’amore tra i protagonisti, no ha creato una coralità che è parte integrante dell'intrecci narrativo, e che ne fa di questo libro una storia unica. 
Sapete che su Netflix trovate anche la versione cinematografica di The kissing booth? Se non lo sapete ve lo dico io che l'ho guardato e seppure diverso dal libro mi ha comunque emozionata nella sua semplicità. 
Non vi resta dunque che stendervi sul vostro lettino al mare e gustarvi la vostra granita mentre leggete The kissing booth!

A SPASSO CON… 
Rochelle e Noah 

tra le pareti dell’istituto a scolastico dove entrambi studiano perché sarà lo spettatore in prima fila del loro amore segreto… 

Nessun commento